Ricette e ingredienti: quando si tratta di errori del traduttore?

Un paio di settimane fa Licia ha segnalato, via Twitter, a me e Debora Serrentino un articolo su Il Post: "Il dolce da copiare a Nora Ephron" con il suggerimento di guardarne le scelte terminologiche.
Monkey Bread (c) Mark Bonica



La traduzione di Monkey Bread

Questo è (parte de) il testo sul Post:

Il Monkey Bread di Nora Ephron
Ingredienti:
4 lattine di “refrigerator biscuit” (circa 40): sono biscotti con un impasto che si tiene in frigorifero e che viene comunemente venduto negli Stati Uniti (trovate una ricetta qui)
1 e 1/2 cucchiaio* di cannella
1/2 tazza* di burro
1 tazza di zucchero bianco
1 tazza di zucchero di canna

* le misure sono americane: 1 cucchiaio da tavola corrisponde precisamente a 15 ml e una tazza a 236 ml
Taglia ogni biscotto in 4 pezzi. Versa zucchero bianco e cannella in un sacchetto di plastica e scuotilo. Aggiungi i biscotti a pezzi. Poi scuoti per far amalgamare bene e metti tutto in uno stampo imburrato. Cuoci lo zucchero di canna e il burro in una casseruola, lascia raffreddare per 10 minuti, poi versa tutto sui biscotti. Cuoci a 180 gradi per 45 minuti. Lascia raffreddare per 15 minuti prima di togliere dallo stampo. A quel punto potete rovesciare il dolce su un piatto e servirlo.

La versione originale

Questo è uno degli articoli in inglese sulla storia e con la ricetta. (The Cut in particolare ha ottenuto il permesso di ripubblicare in originale la ricetta e lo fa con la foto, ma la trovate anche in altri siti.)


4 cans refrigerator biscuits (about 40)
1 1/2 tablespoons cinnamon
1/2 cup butter
1 cup white sugar
1 cup brown sugar, packed

Cut each biscuit into 4 pieces. Pour sugar and cinnamon into a plastic bag and mix. Add biscuit pieces, several at a time; shake to coat well. Place pieces in a buttered tube or Bundt pan until all are used. Bring brown sugar and butter to a boil in a saucepan. Cool 10 minutes, then pour over top of biscuits. Bake at 350 degrees F for 45 minutes. Allow to cool 15 minutes before removing from pan. Turn upside down to serve.

I miei 2cents

Al di là dello scambio di Tweet, come spesso accade con Licia, la sua segnalazione mi ha fatto pernsare. È sempre molto facile, da lettori e da colleghi, pensare che sia colpa del traduttore e che altre scelte migliori siano possibili. Non sono però sicura che effettivamente sia sempre così.

Partiamo dal contesto. Questo articolo, come l'originale, non ha veramente a che fare con le ricette, la cucina o il mondo "food". Questo è per me un articolo di società o di costume, come preferite. La  notizia è ovviamente centrata su Nora Ephron e su chi era e poi butta li la ricetta. :)
A questo si aggiunge il fatto che la ricetta è pienamente americana e difficilmente traducibile, ma solo adattabile. Ho evidenziato alcune parole su cui si è incentrata la discussione.

Refrigerator buscuits

Il traduttore è pienamente consapevole che si tratta di un alimento americano preconfezionato, non acquistabile in Italia (o con molta, molta difficoltà). Lo spiega e aggiunge anche un link a una possibile ricetta online. Non credo sia possibile altra soluzione.

Brown sugar

È un errore "veniale" perché se è vero che lo zucchero bruno è un prodotto alimentare americano e non è zucchero di canna e anche vero che trovarlo in Italia è molto difficile (se possibile). Zucchero di canna, magari "muscovado" (quello più scuro e appicicaticcio) è per me una soluzione accettabile e da me usata, se il contesto era quello adatto (per esempio non si deve trattare di un libro di ricette americane tipiche... :) Per questo ho sottolineato prima che l'articolo non è di cucina...)

In un simile contesto ha senso dire zucchero bruno e spiegare ai lettori cosa sia o come farlo? Personalmente non credo. (Ma dite anche voi...)

Tube/Bundt pan

Qui Debora ha pienamente ragione. Il/la collega si è dimenticato un pezzo. Lo stampo per il monkey bread è uno stampo alto e sagomato (il tube è solo alto). Si può lasciare forse il nome inglese perché in internet si trova, si può chiamarlo stampo per ciambella, ma non si può dimenticare di nominarlo.

Cups and spoons

Altro punto dolente. Le misure sono americane: 1 cucchiaio da tavola corrisponde precisamente a 15 ml e una tazza a 236 ml.
Questa mi sembra una frase disclaimer per togliersi dai casini ed è del tutto inutile. Le misure americane non si basano sul peso, ma sul volume. Mettere i ml è assurdo e confonde le acque. Una tazza di zucchero non corrisponde a 236 millilitri, ma appunto a un misurino di nome cup riempito di zucchero. Soprattutto mezza tazza di burro non vuol dire fondo il burro e ne misuro 117 gr...

Per altro il/la collega dimentica anche quel packed che ha un significato ben preciso: nel misurare lo zucchero infatti bisogna essere larghi di mano. Il packed fa riferimento al fatto che devi pressare lo zucchero per farcene stare di più.

Assolutamente poco accettabile in contesto alimentare (qui lascio a voi) l'aver usato "cuoci" sia per portare a bollore (come si cuoce il burro e lo zucchero?) sia per infornare.

Punto finale

Se questa ricetta si fosse trovata in un testo di cucina, avrei onestamente detto al/la collega di svegliarsi. In un articolo di società credo che alcune cose si possano lasciare stare, ma un paio di errori sono per me abbastanza gravi di essere segnalati.

Cosa ne pensate?




Posta un commento